all’ABBAZIA di SAN PIETRO al MONTE sulle tracce di Re Desiderio, da Civate

Weekend  Lombardia  Trek a Piedi

La Leggenda di San Pietro al Monte narra che l'ultimo re longobardo Desiderio vi costruì un cenobio nel 772 per la miracolosa guarigione dell'occhio del figlio Adelchi grazie alle acque di una fonte, che scorre a tutt’oggi vicino alla chiesa. Il più antico documento riguardante l’abbazia stialto nel XII secolo, cita la presenza dell'abate Leutgario con trentacinque monaci benedettini legati al monastero di San Gallo in Svizzera. Il vescovo di Milano Arnolfo volle essere seppellito a San Pietro dopo avervi trascorsi gli ultimi anni di vita. Ciò successe nel 1097 e probabilmente questo portò ai lavori di trasformazione del XI secolo. L'ampliamento della struttura portò al capovolgimento dell'asse est-ovest della basilica a successivamente alla sua decorazione. Il monastero fu distrutto per ritorsione dal Libero comune di Milano in seguito allo schierarsi dai monaci con l'imperatore Federico Barbarossa. La comunità benedettina si trasferì a valle lasciando la custodia pochi monaci votati all'ermitaggio. Sulla metà del XVI secolo monaci Olivetani tornarono a far vivere l'abbazia, ma furono scacciati definitivamente nel 1798 durante la Repubblica Cisalpina.

Dettaglio

TREK: Civate – San Pietro al Monte (eventuale salita al Rifugio Consiglieri) – Civate
1 giorno
Media
treno
€ 11,00
accompaagnatore, assicurazione, spese fisse

Partenze

5 maggio
  6/5/2018   ISCRIVITI